WHAT IS IT?

Scientific research, informal but rigorous dissemination, pluralism of ideas, autonomy from political and economic influences: these are the components of the International Festival of Economics, directed by Tito Boeri, designed and conceived by Editori Laterza and organized with the Torino Local Committee (TOLC).

The festival kicks off in Turin from a public initiative led by TOLC, which brings together the Piedmont Region, Municipality of Turin, Fondazione Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, the University of Turin, Politecnico di Torino, Turin Chamber of Commerce, Industry, Crafts and Agriculture, Unioncamere Piemonte, Turin Industrial Union, coordinated by the Fondazione Collegio Carlo Alberto.

festival internazionale dell'economia logo

MERITO, DIVERSITÀ, GIUSTIZIA SOCIALE: IL TEMA

La crisi del Covid ci ha restituito un mondo più diseguale e soprattutto diversamente diseguale. Nuovi tipi di diseguaglianze si sono sovrapposti a quelle già esistenti, generando marcati divari di reddito all’interno anche di imprese e di comunità relativamente limitate. Ai divari di reddito si sono aggiunti – spesso sovrapposti – i divari nello stato di salute e nelle condizioni abitative, disuguaglianze che hanno spesso ben poco a che vedere col merito individuale, che sono legate a diverse condizioni di partenza oppure al caso.

In che misura, l’uscita della pandemia può riassorbire queste diseguaglianze o, quantomeno, allinearle maggiormente al merito individuale anziché al caso? E può il riconoscimento che dietro alle diseguaglianze ci siano anche livelli di impegno diversi, performance individuali differenti, ridurre il senso di ingiustizia che molti perdenti nutrono nei confronti di società così diseguali?

Un problema centrale è come misurare il merito. Molte decisioni prese quotidianamente e destinate a generare grandi e persistenti disuguaglianze di reddito si basano su processi di selezione che vorrebbero premiare il merito. Ma quanto dei risultati che riusciamo effettivamente a misurare è legato all’impegno profuso dagli individui e quanto invece a capacità innate, a condizioni favorevoli in partenza e al caso? Non si rischia, premiando il merito, di escludere a priori una fetta importante delle nostre società, non offrendo speranza alcuna a chi non ha avuto in partenza queste doti e opportunità? Non c’è il pericolo di ampliare le diseguaglianze e ostruire la mobilità sociale, anziché livellare le opportunità, cercare di offrire il più possibile un’uguaglianza delle opportunità?

“A gem for the international public that no researcher in the world can decline the invitation and a precious opportunity for the economists themselves to have in a few days an in-thesis representation of the most relevant research, learned from the voices of colleagues. While for the general public the festival is an extraordinary opportunity to connect economic theories to everyday life.”
Micheal Spence, Nobel Prize for Economics in 2001